Porto Cesareo

L'Area Marina Protetta Porto Cesareo, istituita con Decreto del Ministero dell'Ambiente del 12/12/97, pubblicato sulla G.U. n. 45 del 24 febbraio 1998, con i suoi 16.654 ettari di superficie marina tutelata, è la terza per estensione in Italia

L'Area Marina Protetta (A.M.P.) Porto Cesareo, istituita con Decreto del Ministero dell'Ambiente del 12/12/97, è una Riserva Marina dello Stato, affidata ad un Consorzio di Gestione costituito dai due comuni di Porto Cesareo e di Nardò, nel cui territorio ricade la Riserva, e dalla Provincia di Lecce. L'AMP è suddivisa in: 2 Zone A, due Zone B, una Zona C. L'A.M.P. Porto Cesareo è l'unica Riserva Marina Statale del Salento.

TREKKING DOMENICALE, ITINERARI NATURALISTICI, CULTURALI e SPIRITUALI

VUOI CONOSCERE A FONDO IL SALENTO?

Desideri ritrovarti in compagnia di amici, incontrare tantissime nuove persone ed insieme respirare aria pulita, socializzare e nello stesso tempo e nel massimo della semplicità, fare quel sano e naturale movimento fisico proprio di ogni creatura viva?

STS - SpeleoTrekkingSalento

Associazione escursionistico-culturale di Lecce - no profit, fondata  il primo gennaio 1997 da Riccardo Rella, unitamente a Antonio Perulli e Antonio Adamo, dopo un ventennio di esplorazione  del sottosuolo (1975/1995) e di attività speleologica negli ambienti carsici salentini alla ricerca delle origini.

L'itinerario, dedicato a subacquei più esperti e propone la visita al relitto del Neuralia, posto a poco più di un miglio dalla costa di Torre Inserraglio, a 32 metri di profondità. Il Neuralia è un relitto ricco di storia: la nave ha partecipato alla prima, alla seconda guerra mondiale ed allo sbarco in Normandia.
La vicenda del Neuralia si concluse il 1° maggio del 1945, all'altezza di Torre Inserraglio, quando dirigendosi a Taranto per prelevare prigionieri di guerra tedeschi, si scontrò con una mina galleggiante ed affondò poco dopo.
Il relitto non è integro, ma si può ammirare ancora qualche elmetto militare e qualche maschera antigas.
Sono suggestivi gli alberi, incrostati di spugne (Axinella cannabina, Axynella polypoides, Phorbas tenacior, Aplysina aerophoba), briozoi ( il falso corallo Myriapora truncata e la trina di mare Sertella septentrionalis), policheti ( tra cui la bellissima Filograna implexa) contornati dai pesci, che tra le lamiere trovano riparo: saraghi, cernie, aragoste, orate, murene e gronghi.

Fonte: http://www.ampportocesareo.it

Le Torri

Il sistema di Torri Costiere fortificate erette per difendere il territorio dagli assalti dei Turchi e Saraceni, oggi si inserisce in un ambiente delicato, in cui la presenza dell’uomo si coniuga con una natura tutelata, per la presenza di un’Area Marina Protetta (AMP) dello Stato, di due Aree Protette Regionali terrestri, e di ben 5 siti di Importanza Comunitaria (SIC) terrestri e marini.

Il Progetto

Nell’ambito del Programma Operativo Nazionale “Sicurezza per lo Sviluppo - Obiettivo Convergenza 2007/2013” a titolarità del Ministero dell’Interno Dipartimento Pubblica Sicurezza e cofinanziato dall’Unione Europea, l’AMP Porto Cesareo sta realizzando il progetto “Le Torri Fortificate Vedette della legalità”, con il quale intende restituire a queste magnifiche Torri il loro antico ruolo di difesa del territorio, con la funzione di moderne vedette per la custodia dell’ambiente naturale e della sicurezza di coloro che frequentano la costa.

Il progetto “Le Torri Fortificate vedette della legalità” prevede, infatti, l’installazione sulle Torri ricadenti lungo la costa della Riserva Marina, di un sistema di videosorveglianza intelligente ad altissima tecnologia per la visione sia diurna che notturna. La gestione del sistema sarà condivisa con la locale Capitaneria di Porto.

L’obiettivo di questo sistema innovativo sarà la rilevazione delle intrusioni nelle Zone A dell’AMP, interdette all’accesso, la documentazione delle infrazioni nelle altre zone della Riserva in cui le attività umane sono regolamentate, il monitoraggio costante della costa e del mare, con la possibilità di un pronto ed efficace intervento in caso di necessità, nonchè la documentazione di infrazioni negli adiacenti Parchi Regionali, con una attenzione particolare agli eventuali incendi.

Fonte: http://www.ampportocesareo.it

E' un percorso tra anfratti sommersi. Il punto di immersione, situato nella zona C dell'Area Marina Protetta, si sviluppa tra i 7 e 19 metri di profondità lungo la grotta "Il Camino".

Fonte: http://www.ampportocesareo.it

Questo itinerario propone la visita alle Colonne romane, a soli 5mt di profondità visitabili anche solo dall'imbarcazioneo facendo snorkeling.

Si tratta di 5 colonne di marmo cipollino adagiate a metri di profondità in località Torre Chianca

Fonte: http://www.ampportocesareo.it